Sodexo: Fisascat, più dignità occupazionale e reddituale con contrattazione di 2° livello

b_280_230_16777215_00_images_new_4558_1news_g.jpg
E’ il primo accordo sindacale di secondo livello, nell’appalto ex Ilva oggi Mittal Italia S.p.A., quello sottoscritto a Taranto pochi giorni fa con la Sodexo, Azienda di pulizie civili che opera nello stabilimento siderurgico presso i reparti ACC1, ACC2, AFO 1/2/4, 5° Sporgente, Mensa dirigenti, PGT, SEA. Lo scorso novembre, per soddisfare la domanda di servizi supplementari, la Sodexo ha fatto ricorso all’utilizzo di ore lavorative supplementari, nei vari reparti; tanto è bastato perché il sindacato sollecitasse, a far data dall’1 gennaio p.v. un adeguamento strutturale dell’orario di lavoro, stante la presenza in organico di personale comunque numericamente insufficiente, al punto che si sono anche concordate nuove assunzioni, dando la priorità ai cosiddetti lavoratori storici. Al contempo l’Azienda, sempre su richiesta sindacale, ha concesso un premio di 4 euro sotto forma di ticket restaurant, legato alla presenza/mese giornaliera – salvo assenze correlate a diritti contrattuali - a prescindere dall’inquadramento e dall’orario di lavoro e corrisponderà anche un premio annuo di 100 euro a tutti i propri dipendenti che non subiranno infortuni sul posto di lavoro.“Abbiamo puntato a rendere esigibile, con questo accordo, i contenuti della vertenzialità che ci vede impegnati in prima linea da molto tempo, anche unitariamente, contro il precariato nel sistema indotto ex Ilva, specie nei settori delle pulizie civili ed industriali – commenta Antonio Arcadio, segretario generale Fisascat Cisl Taranto Brindisi – ma abbiamo anche inserito nella contrattazione, ottenendo positivi riscontri anche da parte di Sodexo, elementi valoriali di giustizia retributiva, implementando le ore lavorative e perciò il salario mensile, considerando che l’esiguità del tempo di lavoro di troppi dipendenti si è tradotto finora in precarietà economica con tutte le comprensibili conseguenze familiari e sociali negative. Altro risultato non secondario che mi piace segnalare è l’impegno assunto dall’Azienda a porre in essere azioni di contrasto alle molestie sul posto di lavoro, in conformità con l’accordo già stipulato a livello internazionale”.

Stampa