Lavoro femminile, molestie e violenze: Cisl, la sfida passa dal rispetto delle persone

b_280_230_16777215_00_images_new_4545_1news_g.jpg
‘Tormento, disagio e insicurezza’ sono i sostantivi che hanno rappresentato maggiormente, stamattina a Bari, il convegno della Cisl Puglia e della Fisascat Cisl regionale sul tema “Il lavoro femminile tra violenze e molestie” organizzato nell’ambito della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Aperta da due video-testimonianze di Lucia e Gianna, lavoratrici nelle pulizie industriali e negli appalti delle scuole come aiuto cuoca, ma che si aiutano con lavoretti in campagna o come badante, la giornata di approfondimento voleva mettere in risalto quanto l’incertezza occupazionale delle donne fosse alla base di comportamenti sociali che mal si sposano con la crescita professionale dell’universo femminile. “Ricatti sessuali, molestie psicologiche e problematiche relative alla gestione degli impegni domestici e quelli lavorativi” sono stati evidenziati dalla Coordinatrice Donne della Cisl Puglia, Serena Laguaragnella, durante il suo intervento introduttivo. “Parlare non è mai neutro – ha incalzato Alberto Fornasari, docente di UniBa e delegato del Rettore – in tanti atenei italiani, come nel nostro, siamo impegnati attraverso i Comitati Unici di Garanzia per le Pari Opportunità nel sostenere un linguaggio di genere che aiuti e sostenga la decostruzione di una visione androcentrica. Diverse le azioni promosse, mirate a promuovere parità di diritti e ad evitare forme discriminatorie”. Dal convegno è anche emerso che se il fenomeno delle discriminazioni nei luoghi di lavoro è, purtroppo, ancora molto presente “la sfida alla parità tra sessi passa innanzitutto dal rispetto per la persona a prescindere dal genere, dalla religione e dalle etnie – ha osservato Daniela Fumarola, Segretaria generale della Cisl Puglia –. Ogni giorno il sindacato fa la sua parte attraverso la contrattazione e al ruolo sociale che svolge nelle aziende, nelle fabbriche e negli uffici. C’è ancora tanto da fare ma con l’impegno di tutti è una battaglia di rispetto reciproco tra uomini e donne che si può vincere”. Sulle iniziative ed esperienze messe in campo dalla Regione Puglia è intervenuta la Consigliera di Parità supplente, Stella Sanseverino. Nel suo contributo conclusivo Elena Vanelli, responsabile nazionale Fisascat Cisl delle Politiche di Genere, ha sottolineato quanto “la contrattazione sia uno strumento essenziale per destrutturare quel sistema costruito nei decenni all’interno dei posti di lavoro basato su una concezione esclusivamente maschile che non è più al passo con i nostri tempi. In fondo non si chiede nulla di quanto non prevedano le leggi e gli accordi tra parti sociali e datoriali”.

Stampa

Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.