Ex Auchan Bari e Taranto, Fisascat Cisl: quale futuro per i lavoratori?

b_250_200_16777215_00_images_new_bandiere-Fisascat.jpg

Un anno fa la multinazionale francese cedeva a Conad

[Fisascat Cisl]

Circa un anno fa la Multinazionale francese Auchan comunicava la decisione di lasciare il territorio italiano con la propria insegna. L’8 maggio a livello regionale si è proseguita la discussione in sede aziendale in modalità videoconferenza per i due Ipermercati ex Auchan oggi Conad di Casamassima e Taranto sulla sorte occupazionale e definire le linee guida rispetto ai percorsi di ricollocazione/riqualificazione. I due Iper ad oggi contano in totale 459 dipendenti (270 in Casamassima e 189 in Taranto), che sono stati oggetto nel mese di marzo di un taglio della superficie di vendita per renderli compatibili al format Conad (passando rispettivamente da 8690 mq a 6400 mq l’Iper di Taranto e da 11650 mq a 6500 mq l’Iper di Casamassima), operazione che ha conseguentemente determinato un esubero strutturale di 95 unità per Taranto e 130 unità per Casamassima come dichiarato dalla società. In data 15 aprile per gestire la fase transitiva di ristrutturazione dei due Iper al nuovo modello commerciale si è sottoscritto con la Regione Puglia un accordo volto all’utilizzo della cigs per crisi aziendale che prevede un utilizzo dell’ammortizzatore sociale nella misura del 50% oltre a un percorso per la riqualificazione e ricollocazione. Come Fisascat Cisl Puglia, sia in Regione che durante la trattativa aziendale, abbiamo ribadito il ruolo del sindacato non come semplice certificatore di esuberi ma proattivo a determinare e verificare le regole, i criteri e gli impegni ben chiari aziendali alla RICOLLOCAZIONE dei lavoratori nell’ambito delle superfici ridotte nei due Iper e a quali condizioni e garanzie da definire per il passaggio a terzi anche in Puglia dando seguito agli accordi nazionali del 6 Aprile scorso sottoscritti  BDC, ANCD/Conad e Margherita Distribuzione (questi sono i nuovi proprietari delle mura di tutti gli Iper e centri commerciali ex Auchan/Cetrius). La società chiederà ai Comuni di Taranto e Casamassima lo spacchettamento della licenza commerciale in due parti (una per i nuovi supermercati Conad e l’altra da destinare al nuovo operatore commerciale che arriverà in una fase successiva). Come FISASCAT Puglia CHIEDEREMO ALLE ISTITUZIONI ED ALLA POLITICA INCONTRI PROPRIO PER SENSIBILIZZARE LA VERTENZA per la buona riuscita della salvaguardia occupazionale. La Crisi degli Ipermercati nei Centri Commerciali, determinata dal Format ormai obsoleto oggi si aggrava ancora di più a causa dell'emergenza Corona Virus che ha allontanato la clientela dai Centri Commerciali portandoli a fare la spesa o nelle piccole superfici o mediante il canale on-line. Infatti nella discussione i referenti aziendali ci hanno comunicato la retrocessione di Decathlon rispetto la sua manifestazione di interesse per Taranto mentre Primark ha rinviato alla fine del primo semestre 2021 la sua possibile apertura in Casamassima. Nel frattempo saranno utilizzati gli spazi vuoti con “Attività Parallele a Conad” anche qui Quali? La Ricollocazione potrà riguardare dipendenti interessati all’esubero? Continueremo in Puglia a discutere col Gruppo “Conad” e anche con le Istituzioni degli ex Auchan per determinare le regole, i percorsi, gli impegni ben chiari e i criteri della ricollocazione.

Stampa

Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.