Sicurezza lavoro Puglia: Cgil Cisl Uil, plauso alla Presidente Capone per tavolo tematico

b_280_230_16777215_00_images_new_20210520_093928.jpg

Gesmundo, Castellucci, Busto: coinvolgere in questa battaglia di civiltà imprese e i soggetti preposti a verifiche e controlli

[Cisl Puglia]

Cgil Cisl Uil Puglia manifestano il proprio apprezzamento per le parole della Presidente del Consiglio Regionale, Loredana Capone, che stamattina durante il proprio intervento nel corso dell’iniziativa ‘Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro’ ha annunciato di avere coinvolto il Presidente della VI Commissione, Donato Metallo, e l’Assessore al ramo Sebastiano Leo, per convocare un tavolo monotematico con tutte le parti: i sindacati, l’Inail, l’Inps, e tutti gli Enti interessati. Lo scrivono i Segretari generali di Cgil Cisl Uil Puglia, Pino Gesmundo, Antonio Castellucci, Franco Busto al termine della mobilitazione nazionale di sensibilizzazione contro gli incidenti sul lavoro e che in Puglia si è svolta in videoconferenza dalla sala Guaccero del Consiglio Regionale con collegamenti con delegati e responsabili della sicurezza da Fassa Bortolo (BA) - Centro meccanografico (BA) - Spesal (BR) - Ospedale Di Summa (BR) - Cementeria Buzzi (BAT) - Cassa Edile (LE) - Leonardo (BR-TA) - Arsenale (TA) - Centrale ENEL Cerano (BR) - Porto e Darsena (TA) - Petrolchimico (BR) - Asl (FG) - Enti Locali, città metropolitana, comune, camera di commercio, Arca, Regione (BA). L’assemblea regionale è stata l’occasione per coinvolgere in questa battaglia di civiltà le associazioni datoriali e tutti i soggetti preposti alle verifiche e ai controlli. “È necessario un patto per la sicurezza nei luoghi di lavoro soprattutto nelle regioni del Paese – hanno sottolineato i Segretario di Cgil Cisl Uil – per monitorare il grave fenomeno degli incidenti sul lavoro e soprattutto agire insieme. La mobilitazione dei sindacati e dei lavoratori continuerà la mattina del 28 maggio quando saranno organizzati presìdi sotto tutte le Prefetture pugliesi per dire basta con questo stillicidio di infortuni, perché dobbiamo creare condizioni affinché il lavoro sia strumento di emancipazione come da dettato Costituzionale, un lavoro per vivere e non certo per morire”. L’intensa mattinata di interventi di lavoratrici e lavoratori ha visto la partecipazione del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che si è mostrato in accordo con l’iniziativa e con la battaglia dei sindacati contro questa terribile conta di incidenti, spesso mortali, che attanaglia la nostra regione come l’intero Paese.

Stampa

Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.