Sfratti: richiesta di incontro alla Regione vista la gravità dei problemi abitativi

b_280_230_16777215_00_images_new_bandiere-Sicet.jpg

Sunia, Sicet, Uniat: proclamato lo stato d’agitazione

[Sicet Cisl, Cisl Puglia]

In una lettera inviata al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e all’Assessora al Territorio ed Edilizia Residenziale Pubblica, Anna Grazia Maraschio, i Segretari generali dei sindacati Inquilini Sunia Cgil, Sicet Cisl, Uniat Uil (Nicola Zambetti – Paolo Cicerone – Franco Busto), esprimono preoccupazione “dei riverberi che si determineranno a breve per la fine del blocco degli sfratti che in Puglia coinvolgerà oltre 10.000 famiglie, provocando ampie e gravi ripercussioni sociali. Stante l'assenza da parte della Regione e della gran parte dei Comuni sul tema, bisogna anche aggiungere che il Governo nazionale ha messo a disposizione risorse largamente insufficienti per aiutare le famiglie a corrispondere i canoni di locazione – aggiungono –. “In questo contesto, nonostante la presenza di Leggi regionali positive, queste spesso vengono disattese dalle ARCA (ex IACP) nelle loro parti qualificanti, come per esempio sul coinvolgimento degli inquilini. Inoltre, fin troppo spesso, le poche risorse per la manutenzione disponibili non vengono utilizzate nei tempi che un'emergenza impone. Ciò detto riteniamo necessario un immediato incontro, questo anche al fine di evitare problemi di ordine pubblico. Chiediamo quindi una rapida convocazione, visto e considerata la gravità dei problemi abitativi in Puglia. I sindacati degli Inquilini – concludono Zambetti, Cicerone, Busto – proclamano quindi lo stato di agitazione, convocando assemblee di quartiere e di zona a sostegno di tali richieste: la mobilitazione si concluderà con un'iniziativa pubblica”.

Stampa

Utilizziamo cookie per favorire l'utilizzo del sito e ottimizzarne l'esperienza di navigazione. Continuando la visita del sito l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.